ABROGATO L’OBBLIGO DI TENUTA DEL REGISTRO INFORTUNI

Con l’entrata in vigore del decreto legislativo 151/2015, recante “Disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese e altre disposizioni in materia di rapporto di lavoro e pari opportunità, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183“, si semplificano anche le procedure amministrative relative alla sicurezza del lavoro.

In particolare, l’articolo 21 comma 4, ha abrogato l’obbligo di tenuta del registro infortuni a partire dal 23 dicembre 2015.

“4) al settimo comma le parole: «, che deve corredare la denuncia di infortunio,» sono soppresse, la parola «rilasciato» è sostituita dalle seguenti: «trasmesso, per via telematica nel rispetto delle relative disposizioni, all’Istituto assicuratore» e dopo le parole: «primo approdo» sono inserite le seguenti: «o dalla struttura sanitaria competente al rilascio»;”

Rimane obbligatoria la denuncia all’INAIL degli infortuni di durata superiore a tre giorni, da effettuarsi con modalità telematiche. Resta invece legata all’attuazione del “Sistema Informativo Nazionale della Prevenzione” la sanzione per la mancata comunicazione degli infortuni superiori ad un giorno.

Consulta il testo del DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2015, n. 151

Fonte: necsi.it