AGEVOLAZIONI PER L’ASSUNZIONE DI DONNE

Come si ricorderà, la Riforma Fornero (articolo 4, commi da 8 a 11 della Legge n. 92/2012) ha previsto un beneficio contributivo, pari al 50% della contribuzione dovuta, a favore dei datori di lavoro che assumono, dal 1° gennaio 2013:

  • lavoratori over 50, disoccupati da oltre 12 mesi,
  • donne di qualunque età prive di impiego da almeno 24 mesi (ovunque residenti) o 6 mesi e appartenenti a particolari aree.

Più precisamente, il comma 11 del citato articolo 4 stabilisce che il datore di lavoro può beneficiare della suddetta agevolazione contributiva in relazione all’assunzione di donne di qualsiasi età, prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi, residenti:

  • in regioni ammissibili ai finanziamenti nell’ambito dei fondi strutturali dell’Unione europea,
  • nelle aree di cui all’articolo 2, punto 18), lettera e), del Regolamento CE n. 800/2008 (ora sostituito dall’articolo 2, punto 4), lettera f) del Regolamento UE n. 651/2014), annualmente individuate con decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze.

Ai sensi dell’articolo 2, punto 4), lettera f) del Regolamento UE n. 651/2014 sono svantaggiati i “lavoratori occupati in professioni o settori caratterizzati da un tasso di disparità uomo-donna che supera almeno del 25% la disparità media uomodonna in tutti i settori economici dello Stato membro interessato se il lavoratore interessato appartiene al genere sottorappresentato.”

In relazione al suddetto requisito, il Ministero del Lavoro nella Circolare n. 34/2013 ha ulteriormente chiarito che si tratta di settori e professioni caratterizzati da un tasso di disparità uomo-donna che supera almeno del 25% la disparità media uomo-donna.

SETTORI E PROFESSIONI VALIDI PER IL 2016

Il Ministero del Lavoro, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha identificato, con il Decreto 13 ottobre 2015, i settori e le professioni (limitatamente al settore privato) per le quali è possibile beneficiare, per il 2016, della riduzione contributiva.

MODALITÀ OPERATIVE

Per fruire dell’incentivo i datori di lavoro interessati sono tenuti ad inoltrare apposita comunicazione all’INPS mediate modulo di istanza on-line “92-2012″, disponibile all’interno della funzione “Cassetto previdenziale aziende ed aziende agricole del sito www. inps.it.

Le posizioni contributive dei datori di lavoro ammessi all’incentivo sono contraddistinte dal codice di autorizzazione 2H.

Nel flusso UNIEMENS le lavoratrici occupate in professioni o settori caratterizzati da una significativa differenza di genere vanno esposte valorizzando nell’elemento individuale <TipoContribuzione> il codice “55” che assume il significato di “lavoratore assunto ai sensi dell’art. 4, commi 8-11, della Legge 92/2012”.

Fonte:Seac