Area Tecnica

Grazie ad uno staff con specializzazioni differenziate e la disponibilità di strumenti di misurazione, offre risposte a specifiche esigenze tecniche nell’ambito della sicurezza e salute sui luoghi di lavoro e igiene industriale.

Studio Schena offre assistenza al datore di lavoro nell’effettuazione della valutazione dei rischi e nella conseguente elaborazione del Documento Valutazione dei Rischi

Il documento di valutazione dei rischi deve essere suddiviso in tre parti e dovrà individuare:

  • Un elenco di tutto ciò che è stato valutato rischioso per la sicurezza e per la salute;
  • Una serie di strumenti e di criteri di prevenzione sulla base delle valutazioni sui rischi compiute in precedenza, per fornire mezzi di protezione e misure di informazione al personale;
  • Un insieme di misure idonee a garantire ai lavoratori una sempre maggiore tutela, attraverso un continuo aggiornamento dei dispositivi di sicurezza.

La valutazione dei rischi è strumento indispensabile che permette di compiere una dettagliata catalogazione di tutti i pericoli e rischi che i lavoratori possono incontrare mentre svolgono un lavoro in azienda, creando le procedure di prevenzione e individuando le misure di protezione necessarie per tutelare la sicurezza e salute dei lavoratori.

Le fonti di rischio vengono comprese in cinque categorie:

  • Rischi Generici: sono i più comuni e di solito riguardano gli ambienti di lavoro (strutture), gli impianti elettrici, oppure attrezzature o macchinari;
  • Rischi Ergonomici: richiedono di adottare delle posizioni di lavoro poco opportune non solo per un lungo periodo, ma anche per breve tempo. Riguardano anche i lavori che si svolgono di fronte a videoterminali in modo sistematico o abituale;
  • Rischi Specifici: appartengono in modo esclusivo al processo produttivo di riferimento, cioè settori particolari dell’azienda in cui vengono utilizzati materiali specifici o in cui vengono eseguite lavorazioni particolari. E’ il caso dei prodotti chimici (gas, vapore, liquidi) e dei lavori eseguiti in presenza di rumori, vibrazioni e radiazioni;
  • Rischi di Processo: sono quei rischi che prevedono elevate possibilità di incidenti o malfunzionamenti di ordinari processi lavorativi. Solitamente riguardano il pericolo di incendio, di esplosione, di propagazione di energia termica e di emissione di sostanze tossiche oltre il limite consentito;
  • Rischi Organizzativi: si intendono tutti quei rischi che derivano dai errori compiuti dal personale di un’azienda, quindi da chi ricopre dei ruoli di responsabilità per tutelare la propria e l’altrui integrità fisica. Lavoratori poco professionali o non sufficientemente addestrati, superficialità nello svolgimento delle mansioni, approssimazione nell’esecuzione delle verifiche e nel controllo degli standards di sicurezza, possono dare luogo ad incidenti di un certo rilievo.