ASSUNZIONI 2016: SGRAVI CONTRIBUTIVI PER DUE ANNI

L’Inps con circolare numero 57 del 29 marzo 2016 chiarisce le regole per gli sgravi assunzioni 2016: le agevolazioni dureranno due anni.

L’Inps ha fornito le prime indicazioni utili per usufruire degli sgravi contributivi di due anni previsti per le assunzioni 2016 con circolare n 57 del 29 marzo 2016 sul bonus assunzioni 2016. L’Istituto ha ricordato che le agevolazioni sono riconosciute a “tutti i datori di lavoro privati, a prescindere dalla circostanza che assumano o meno la natura di imprenditore, ivi compresi i datori di lavoro del settore agricolo”.

Come per gli incentivi assunzioni scaduti il 31 dicembre 2015, questo beneficio non riguarda solo le nuove assunzioni ma include anche le stabilizzazioni, ovvero le trasformazioni dei contratti dei lavoratori già assunti ma non a tempo indeterminato.

La domanda di esonero contributivo va fatta tramite il cassetto previdenziale, alla sezione “contatti”, selezionando nel campo oggetto la denominazione “esonero contributivo biennale legge n. 208/2015”, ed usando la locuzione: “Richiedo l’attribuzione del codice di autorizzazione 6Y ai fini della fruizione dell’esonero contributivo introdotto dalla legge n. 208/2015, art. 1, commi 178 e seguenti”.

Il codice di autorizzazione 6Y attribuito dall’Ente corrisponde a “Esonero contributivo articolo unico, commi 118 e seguenti, legge n. 190/2014 e articolo unico, commi 178 e seguenti, legge n. 208/2015″.

Le limitazioni rispetto al bonus assunzioni dello scorso anno riguardano durata e importo: la prima è stata limitata da 36 a 24 mesi mentre la somma massima erogabile è scesa a 3.250 euro (da 8.060 euro).

Nella circolare sono inoltre contenute informazioni circa la natura del bonus assunzioni, i soggetti beneficiari e i requisiti di aggiudicazione. Per ulteriori approfondimenti si rinvia direttamente al testo della circolare numero 57 del 29 marzo 2016

Fonte: investireoggi.it