Formazione Finanziata

FONDI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA sono stati istituiti dalla legge 388/2000, al fine di promuovere lo sviluppo della Formazione Continua nelle aziende in un’ottica di competitività  delle imprese e di garanzia di occupabilità per i lavoratori.

Le Imprese, mediante l’adesione ad un Fondo, autorizzano l’INPS, a girare lo 0,30% dei contributi versati per ogni lavoratore dipendente – il cosiddetto “contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria” – direttamente ad un Fondo Interprofessionale che provvederà poi a finanziare la formazione continua dei
lavoratori delle imprese aderenti.

 

 

  • Obiettivi

Promuovere lo sviluppo della formazione continua in un’ottica di competitività delle imprese e di garanzia di occupabilità dei lavoratori.

Favorire l’aggiornamento e lo sviluppo del sapere dei/delle lavoratori/trici e delle aziende come capitale condiviso da mantenere competitivo, attivo e concorrenziale.

  • Piani Formativi

I Fondi possono finanziare Piani Formativi che le imprese singolarmente o in forma associata decidono di realizzare per i propri dipendenti, con il consenso delle Organizzazioni Sindacali.

L’adesione a un fondo non comporta alcuna spesa per le imprese ed è possibile aderire in qualsiasi momento.

  • Chi può aderire

Le imprese che vogliano usufruire dei finanziamenti messi a disposizione dai Fondi Interprofessionali per realizzare attività di formazione continua destinate ai propri lavoratori devono essere iscritte al Fondo.

Possono aderire ai Fondi interprofessionali, tutte le aziende tenute a versare all’INPS per i propri dipendenti il contributo relativo alla “disoccupazione involontaria” di cui all’art. 12 della legge n. 160/1975, così come modificato dall’art. 25 della legge quadro sulla formazione professionale n. 845/1978 e successive modificazioni.

  • Come aderire

Aderire ad un fondo interprofessionale è davvero molto facile, basta scegliere nella “Denuncia Aziendale” del flusso UNIEMENS aggregato (ex modello DM10/2), all’interno dell’elemento “Fondo Interprof”, l’opzione “Adesione” inserendo il codice del Fondo ad esempio “FEMI” ed il numero dei dipendenti interessati all’obbligo contributivo.
L’azienda inizia ad accantonare i fondi dal mese di competenza della Denuncia Aziendale (ex DM10/2) nel quale è stato inserito il codice del Fondo scelto.

Procedura di adesione mediante modello UNIEMENS

Le imprese agricole posso aderire ai Fondi Interprofessionali mediante il modello DMAG di Marzo (scadenza 30 Aprile), Giugno (scadenza 31 Luglio), Settembre (scadenza 31 Ottobre), Dicembre (scadenza 31 Gennaio dell’anno successivo). L’adesione ha effetto a partire dal trimestre  nel quale è stata effettuata la scelta. Questo significa che i versamenti  dello 0,30% da parte dell’Inps al Fondo avverranno a partire da quello specifico trimestre.

Procedura di adesione mediante modello trimestrale DMAG

L’adesione è unica e non va rinnovata ogni anno in quanto valida fino ad esplicita revoca.

SCHENA_LogoTex 2

ha maturato esperienza pluriennale nella progettazione, coordinamento, tutoraggio e rendicontazione di progetti in vari ambiti formativi (salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, qualità, etc.)

I progetti formativi nascono e vengono realizzati con il costante contatto con le aziende ed un’attenta analisi dei fabbisogni formativi aziendali con Fondo Formazione Italia – FondItalia.

 

Consulta l’elenco dei Fondi Interprofessionali
Consulta il Fondo Formazione Italia – FondItalia  

Stampa questa pagina Stampa questa pagina