INCENTIVI INAIL ALLE IMPRESE, IL 29 MAGGIO L’INVIO TELEMATICO DELLE DOMANDE

L’Inail in un comunicato rende noto che si svolgerà giovedì 29 maggio, dalle ore 16 alle 16,30, la seconda fase dell’operazione incentivi Inail, per l’assegnazione dei 307 milioni di euro a fondo perduto messi a disposizione delle imprese italiane con il bando Isi 2013 per sostenere la realizzazione di progetti che migliorino i livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Come nelle edizioni precedenti, i fondi, ripartiti in budget regionali, saranno assegnati fino a esaurimento secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande, che potranno essere presentate in modalità telematica dalle aziende i cui progetti hanno superato la prima fase, in possesso del codice identificativo loro attribuito. Le regole e le informazioni tecniche di supporto alle imprese partecipanti all’invio online saranno pubblicate sul portale Inail entro il 22 maggio”.

Tutto pronto per la concessione degli incentivi INAIL alle imprese: il click day per l’invio telematico delle domande è fissato per il prossimo 29 maggio tra le ore 16:00 e le 16:30.  Tutte le regole e le informazioni tecniche saranno rese disponibili online dall’INAIL entro il 22 maggio.

Si tratta della seconda fase del Bando ISI 2013 che in questa sua quarta edizione vede uno stanziamento di 307 milioni di euro (contro i 60 milioni del 2010, i 205 mln del 2011 e i 155 mln del 2012), ripartiti in budget regionali, per la concessione di contributi a fondo perduto a favore delle imprese che abbiano realizzato progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. L’incentivo è cumulabile con i benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito.

I finanziamenti – pari al 65% dell’investimento, per un massimo di 130.000 euro – verranno distribuiti fino a esaurimento dei budget regionali in base all’ordine cronologico di arrivo delle domande. Queste potranno essere presentate in modalità telematica solo dalle aziende i cui progetti abbiano superato la prima fase, che si è svolta dal 21 gennaio all’8 aprile con un elevato livello di partecipazione, e siano quindi in possesso del codice identificativo.

Si  tratta di quasi 29mila imprese – anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura – per un investimento complessivo pari a oltre 1,7 miliardi di euro. Per ogni progetto sono previsti fino 130 mila euro di incentivi (contro i 100 dei bandi degli altri anni) ogni intervento per coprire fino al 65% dei costi ammissibili (contro il 50% degli anni precedenti).

Fonte: www.pmi.it



Stampa questa Notizia Stampa questa Notizia